Image Alt
GIESSE, il Blog della logistica
regolamento CPR

Regolamento CPR, un seminario il 15 Giugno

GIESSE è sempre pronta a garantire sicurezza a norma di legge, formazione al proprio organico e informazione al Cliente finale. Per questo prenderà parte con i propri esponenti all’evento del 15 Giugno, in programma a Castellinaldo, per affrontare l’argomento del Regolamento CPR, in modo da restare sempre aggiornati.

Il Regolamento Prodotti da Costruzione (CPR) è la normativa europea che definisce i requisiti base e le caratteristiche essenziali che tutti i prodotti progettati per essere installati in maniera permanente in opere di costruzione devono soddisfare nell’ambito di applicazione dell’UE.

Alla luce della sua natura giuridica, tutti interessati sono tenuti a conformarvisi: la pubblica amministrazione, i fabbricanti, gli importatori, gli utilizzatori, ecc. Pertanto, prima della sua entrata in vigore, tutte le normative e i regolamenti dell’Unione Europea preesistenti sono stati adeguati alle specifiche tecniche armonizzate. La legge in questione è il Regolamento (UE) n. 305/2011 del 9 marzo 2011 (pubblicato il 4 aprile 2011 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea) che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la Direttiva 89/106 CEE del Consiglio.

Ma quale è la finalità di questo regolamento? In breve, le normative sui cavi presenti a livello europeo differiscono da quelle nazionali, originando quindi livelli di sicurezza differenti. Il regolamento CPR introduce nuovi criteri di classificazione e classi comuni, le cosiddette Euroclassi, per l’intero territorio europeo, creando inoltre un linguaggio condiviso e un sistema di classificazione, valutazione e certificazione per i prodotti da costruzione valido in tutti i paesi membri.

Maggiori specifiche e eventuali comunicazioni sull’evento del 15 Giugno sono presenti qui > https://www.facebook.com/events/252530925500280/

Valutazioni
4.5
Leggibilità
Tecnicismi
Qualità
Specificità
Considerazioni

Alla luce della sua natura giuridica, tutti interessati sono tenuti a conformarvisi: la pubblica amministrazione, i fabbricanti, gli importatori, gli utilizzatori, ecc.